Analisi della persona e della punizione nella teoria morale di Immanuel Kant: notizie scolastiche attuali

Analisi concettuale della persona e della punizione nella teoria morale di Immanuel Kant

 – Analisi concettuale della persona e Punizione in La teoria morale di Immanuel Kant -

Scaricare Analisi concettuale della persona e Punizione in Teoria morale di Immanuel Kant materiali del progetto: questo materiale del progetto è pronto per gli studenti che ne hanno bisogno per aiutare la loro ricerca.

ABSTRACT  

Nel profondo della mente degli esseri umani si trova la convinzione che un rude senso di giustizia richiede di infliggere all'aggressore una perdita e un dolore proporzionati, come ha inflitto alla sua vittima; l'importanza del "occhio per occhio" nella legge. La Bibbia non fa eccezione: nella sua forma più antica, anch'essa includeva la legge di "misura per misura". Tradizionalmente, sono state avanzate giustificazioni deontologiche, giustificazioni utilitaristiche o una combinazione delle due per giustificare l'inflizione della punizione ai trasgressori.

Queste teorie insegnano che la punizione ottiene giustizia costringendo un criminale a pagare per il torto che ha fatto e che i feriti si sentano compensati e protetti. Questo è stato guidato con l'obiettivo di dissuadere le persone dal commettere lo stesso crimine in futuro. Con Kant, i concetti di persona e punizione hanno avuto interpretazioni diverse. Offre che la punizione è importante perché è un modo per dare all'autore del reato ciò che ha il diritto di avere, riconosce l'autore del reato come essere razionale ed è fine a se stesso.

Kant ha chiamato questa idea di punizione; giustizia retributiva. Offre ugualmente misure rigorose per frenare la disumanità dell'uomo nei confronti dell'uomo. Quindi, è su queste postulazioni che questo studio sostiene a sostegno che la punizione raggiunge giustizia, equità e rispetto reciproco. Gli obiettivi di questo studio sono: - (i) per articolare la relazione tra i concetti di persona e punizione in Kant (ii) per mostrare la rilevanza della teoria morale di Kant per la società, per considerare i punti di forza e di debolezza della teoria morale di Kant (iii) per evidenziare le implicazioni della concezione di Kant di persona e punizione per la società nigeriana contemporanea.

INTRODUZIONE  

Secondo un rapporto del quotidiano Guardian; Vol. 31, n. 13,270 che il 28 aprile 2015 il governo indonesiano ha giustiziato otto prigionieri nel braccio della morte Nusakambabgan carcere vicino a Cilacap in Java centrale condannato nell'aprile 2005 per reati legati alla droga. Gli otto erano l'indonesiano Zainal Abidin, gli australiani Andrew Chan e Myuran Sukumaran, brasiliano Rodrigo Gularte, nigeriano Sylvester Obiekwe Nwolse, Rahem Agbaja Salame e Okwudili Oyatanze e il ghanese Martin Anderson.

Il documento afferma inoltre che le richieste di clemenza delle loro famiglie, comunità internazionali e diplomatici sono state respinte dal presidente indonesiano, Joko Widodo. Il ricercatore ha cominciato a interrogarsi sulla sanità mentale in questo evento distinguibile con alcune domande pertinenti che hanno a che fare con i valori morali. Il ricercatore ha chiesto; qual è l'importanza della clemenza nei casi legati alla criminalità, in particolare nei crimini pericolosi per i valori umani e sociali?

Supponiamo che la clemenza sia stata concessa a questi detenuti legati alla droga, che ne sarà della deterrenza, le persone non continueranno a commettere lo stesso crimine con l'anticipazione che la stessa clemenza potrebbe essere offerta a loro volta? Cos'è la giustizia? Infine, si può equiparare la giustizia alla misericordia nella società civile? Viene sempre posta una domanda morale perenne; perché è moralmente legittimo, lecito e possibilmente obbligatorio che un trasgressore debba essere punito?

BIBLIOGRAFIA

FONTI PRIMARIE

Kant, Emmanuele. Base per la metafisica della morale. Tradotto da James W.
Ellington. Indianapolis: Hacket Publishing Company Inc, 1981.

__________. Principi fondamentali della metafisica della morale. Tradotto
Thomas K. Abate. New York: Libri Prometeo, 1988.

__________. Metafisica della morale. Tradotto Mary Gregor. Cambridge
Inghilterra: Cambridge University press, 1996.

__________. Filosofia del diritto. Un'esposizione dei principi fondamentali di
La giurisprudenza come scienza del diritto, (1797). Tradotto W. Hastie.
Cambridge: lo scambio di libri di legge, 2002.

FONTI SECONDARIE

Adigbo FA, Dipo Irele & Amaechi Udefi (Ed.) Etica e Affari Pubblici. Ibadan:
Royalbird Venture, 2014.

Akpenpuun, Dzurgba. Etica contemporanea; Teoria e problemi. Ibadan: John
Archers Publishers Limited, 2007.

Allen, legno .A. (Ed.) Basic Writings of Kant. Tradotto Thomas K. Abbot. Nuovo
York: The Random House Publishing, 2001.

Amaku, E. Ethelbert. I fondamenti ontologici della dignità umana in
Pensiero di Tommaso d'Aquino. Enugu: Victojo Production Services, 2009.

__________. Storia della filosofia medievale. Owerri: Austus Printers, 2008.

Tommaso d'Aquino. Summa Theologica. Testo latino e traduzione inglese,
Introduzione, note, appendici e glossari dei BlackFrairs.
Londra: 1989.

Aristotele. "Nicomachean Ethics" In The Complete Works of Aristotle (The revised
Oxford Translation). Tradotto WD Ross. A cura di R. Mckeon. New York:
Casa casuale Inc, 2001.

Squadra CSN.

tag: , , ,

I commenti sono chiusi.

Ciao Hi

Non perdere questa occasione

Inserisci i tuoi dettagli