Annunci: Ottieni l'ammissione al livello 200 e studia qualsiasi corso in qualsiasi università di tua scelta. Tariffe basse | No JAMB UTME. Chiama 09038456231

Studi di sintesi, caratterizzazione ed estrazione con solvente dell'acido 3,5-bis [(2-idrossi-benzilidene) -ammino] -benzoico e dei suoi complessi Co (ii) e Ni (ii)

ANNUNCI! Soluzione permanente per il diabete! Solo 15 pacchetti rimasti. FRETTA!!!


Studi di sintesi, caratterizzazione ed estrazione con solvente dell'acido 3,5-bis [(2-idrossi-benzilidene) -ammino] -benzoico e dei suoi complessi Co (ii) e Ni (ii).

ABSTRACT  

L'acido 3,5-Bis [(2-idrossi-benzilidene) -ammino] -benzoico (H2B) ei suoi complessi di cobalto (II) e nichel (II) sono stati sintetizzati e caratterizzati tramite: elettronica, IR, 1 H NMR e 13C NMR . Il metodo di variazione continua di Giobbe è stato utilizzato per determinare il rapporto molare per entrambi i complessi metallici. Studi di estrazione con solvente sono stati condotti su H2B in DMF al 5% con i suoi complessi di cobalto (II) e nichel (II) utilizzando CHCl3 come solvente organico; con effetti condizionali variabili di tempo di equilibrio, pH tampone, acidi minerali, agenti salanti e complessanti.

Lo studio spettrale IR indica la coordinazione attraverso (N2O2) azometina e gruppi idrossilici protonati. Il metodo di variazione continua di Giobbe ha mostrato un rapporto metallo / legante, 1: 1, per entrambi i complessi metallici di H2B. Il complesso di cobalto (II) di H2B ha mostrato un'estrazione quantitativa nell'intervallo di pH 5 - 7, mentre nichel (II) il complesso H2B ha mostrato un'estrazione quantitativa nell'intervallo di pH 6 - 8. Il nichel è stato separato con successo dal cobalto mediante estrazione a quattro cicli a 10-3 M HNO3 miscela acquosa di Ni (II) e Co (II) {10 µgcm-1 ciascuno} in H5B / DMF al 2% utilizzando 0.05 M di cianuro come agente mascherante e CHCl3 come solvente organico. 

INTRODUZIONE  

L'estrazione è il trasferimento di un soluto da una fase all'altra. Motivi comuni per eseguire un'estrazione in chimica sono l'isolamento o la concentrazione dell'analita desiderato o la separazione dalle specie che interferirebbero nell'analisi. Il caso più comune è l'estrazione di una soluzione acquosa con un solvente organico che è immiscibile con e meno denso dell'acqua; formano una fase separata che galleggia sopra la fase acquosa.

L'estrazione con solvente o liquido-liquido si basa sul principio che un soluto può distribuirsi in un certo rapporto tra due solventi immiscibili, uno dei quali è solitamente acqua e l'altro un solvente organico come benzene, tetracloruro di carbonio o cloroformio. In alcune casi, il soluto può essere trasferito più o meno completamente nella fase organica.

La tecnica può essere utilizzata per scopi di preparazione, purificazione, arricchimento, separazione e analisi, su tutte le scale di lavorazione, dalla microanalisi ai processi produttivi. In chimica, negli ultimi anni l'estrazione con solvente è diventata una tecnica di separazione popolare grazie alla sua eleganza, semplicità, velocità e applicabilità sia al tracciante che alle macro quantità di ioni metallici.

La capacità di un soluto (inorganico o organico) di distribuirsi tra una soluzione acquosa e un solvente organico immiscibile è stata a lungo applicata alla separazione e purificazione dei soluti mediante estrazione nella fase organica, lasciando sostanze indesiderabili nella fase acquosa; oppure mediante estrazione delle sostanze indesiderabili nella fase organica, lasciando il soluto desiderabile nella fase acquosa. 

RIFERIMENTI

Harris DC (2010), analisi chimica quantitativa (8 ° ed.) WH Freeman
e Company New York, pp.538-542.

Fifield FW e Kealey D. (1975). Principi e pratiche di analitica
Chimica. International Textbook Company, Ltd. London, pp67.

Rydberg J., Choppin GR, Emusikas C. e Sekine T. (2004). Solvente
Equilibri di estrazione. Taylor & Francis Group, LLC USA, pagg.93.

Kolthoff IM A Review of Electrochemistry in non-acquous Solvents by:
Scuola di Chimica. Università del Minnesota, Minneapolis,
Minnesota 55455 USA, pagg. 305-325.

Regel-Rosocka M. e Alguacil FJ (2013). Tendenze recenti nei metalli
Estrazione. Revista de Metalurgia 49 (4): 292-316

Ukoha, PO Nwabue, FI e Obasi, LN (2011). Studi sull'estrazione con solventi
su complessi rame (II) e argento (I) di bis (4-idrossipent-2-
ilidene) diamminoetene: Composizione delle specie estratte. EJournal of Chemistry. 8 (4): 1864-1871

Ukoha, PO, Obasi LN e Nwabue FI (2012). Studi sull'estrazione con solventi
su complessi di rame (II) e argento (I) di Bis (4-idrossipent-2-
ilidene) Diaminetano: Separazione di Ag (I) da Cu (II).
Internation J. Chem. 22 (1): 15-24.

Ukoha, PO (1988). Studi di estrazione con solvente su complessi Cu (II) e Ag (I)
di bis (4-idrossipent-2-ilidene) diamminoetene. M.Sc. Tesi,
Università della Nigeria, Nsukka, p. 5.

Gibbs, JW (1961). Articoli scientifici. Dover, New York. p. 17

Stary, J. (1964). L'estrazione con solvente di chelati metallici. Pergamon, Oxford, p. 1.

Fifield, FW e Kealey, D. (1990). Principi e pratica analitica
chimica. (3a ed.). Blackie Academic and Professional, Londra, p. 53).

Squadra CSN.

Inserisci il tuo indirizzo email:

Consegnato da TMLT NIGERIA

Unisciti ora a oltre 3,500+ lettori online!


=> SEGUICI SU INSTAGRAM | FACEBOOK & TWITTER PER ULTIMI AGGIORNAMENTI

ADS: DIABETE DA ESCLUSIONE IN SOLO 60 GIORNI! - ORDINA QUI

COPYRIGHT ATTENZIONE! I contenuti di questo sito Web non possono essere ripubblicati, riprodotti, ridistribuiti in tutto o in parte senza il dovuto permesso o riconoscimento. Tutti i contenuti sono protetti da DMCA.
Il contenuto di questo sito è pubblicato con buone intenzioni. Se possiedi questi contenuti e ritieni che il tuo copyright sia stato violato o violato, assicurati di contattarci all'indirizzo [[email protected]] per presentare un reclamo e le azioni verranno intraprese immediatamente.

tag: , , , ,

I commenti sono chiusi.